Jeroen Dijsselbloem ha detto alla Frankfurter Allgemeine Zeitung che “i paesi in crisi” dovrebbero attenersi agli obiettivi di disavanzo fissati dalla Commissione europea e mostrare la stessa solidarietà degli stati della zona euro del nord durante la crisi finanziaria.

“Come socialdemocratico, per me la solidarietà è estremamente importante”, ha detto Djisselbloem. “Ma quelli che la chiedono hanno anche doveri. Non posso spendere tutti i miei soldi in liquori e donne e poi supplicare il vostro sostegno. Questo principio si applica a livello personale, locale, nazionale ed anche europeo “.

In un comunicato, il governo portoghese ha detto che i commenti di Dijsselbloem erano “assolutamente inaccettabili” e ha chiesto le sue dimissioni.

“Un sacco di persone si rendono conto che il presidente dell’Eurogruppo non è in grado di rimanere alla testa dell’Eurogruppo e  il governo portoghese condividide questo punto di vista”.

Martedìil  presidente del Partito socialista europeo, Gianni Pittella, ha descritto i commenti del Ministro olandese come “vergognosi e scioccanti.”

“Dijsselbloem è andato ben al di là utilizzando argomenti discriminatori contro i paesi dell’Europa meridionale”, ha detto. “Non ci sono scuse o ragioni per l’utilizzo di tale linguaggio, soprattutto da qualcuno che si suppone sia un progressista”.

Dijsselbloem è presidente dell’Eurogruppo dal gennaio 2013 e è stato rieletto per un secondo mandato nel luglio 2015. Tuttavia, il suo partito laburista olandese (PvdA) è andato molto male nelle elezioni della scorsa settimana e lui quasi certamente non rimarrà ministro delle finanze.

Pittella ha detto che “non era la prima volta” che Dijsselbloem ha espresso opinioni “, che sono apertamente in contraddizione con la linea della famiglia progressista europea.”

“Mi chiedo se veramente una persona che ha queste credenze può ancora essere considerato adatto ad essere presidente dell’Eurogruppo”, ha aggiunto

Il gruppo M5s Europa in una nota: “Dijsselbloem rassegni immediatamente le dimissioni da presidente dell’Eurogruppo: le sue dichiarazioni sui Paesi del Sud sono gravi e vergognose È inaccettabile che il presidente, in carica dal 2013, e con in mano le chiavi della moneta unica, si esprima in questi termini. La visione di Europa di Dijsselbloem è ben evidente nelle politiche di questa Unione: una presunta superiorità economica, morale e anche culturale, dei Paesi del Nord a danno di quelli del Sud. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: un’Europa ridotta in macerie dai burocrati come Dijsselbloem”.

Luis de Guindos, collega spagnolo di Dijsselbloem nelll’Eurogruppo, ha detto che il commento non era “felice”, ma che era sicuro che Dijsselbloem fosse dispiaciuto.  Martedì nel corso di un’audizione del Parlamento europeo  Dijsselbloem non si è scusato per il suo commento “infelice” ribadendo che la solidarietà europea deve basarsi sul rispetto delle regole. Quando Ernest Urtasun, un deputato catalano, ha riletto il suo commento, Dijsselbloem ha detto: “Conosco la mia dichiarazione, è venuta da questa bocca.”