Ci sono disgrazie che lo Stellone italiano riesce ad evitare: ad esempio Macron, figura di arrogante e fondamentalmente insulso europeista che si sono aggiudicati in Francia, mentre ce ne sono altre che aleggiano sul nostro futuro politico.

Il peggior fantasma si chiama Antonio Tajani. La fertile terra di Ciociaria ha fornito grandi politici come Andreotti, e mediocri controfigure come il nostro, la cui carriera politica sarebbe perfettamente trascurabile se, per una serie di imperscrutabili combinazioni del destino non si fosse trovato alla presidenza del Parlamento Europeo. Il valore di questa carica sarebbe pressocchè nullo ed è stato precedentemente ricoperto da figure marginali come il “Kapò” Schulz, ma , sempre per colpa del fato cinico e baro , si è incrociato con la momentanea defaillance politica del suo capo, Berlusconi. Infatti il Dominus di Arcore, non sapendo ancora se potrà porsi alla guida di FI nella prossima campagna elettorale, deve trovare una controfigura fedele, belloccia ma non ingombrante, che lo possa sostituire come capolista, e chi , in teoria, potrebbe impersonare qusta figura meglio di Tajani, che sinora ha mostrato il nulla dietro il sorriso?

Purtroppo la gita scolastica a Bruxelles e la successiva nomina a presidente del parlamento hanno avuto un’effetto negativo sulle sue capacità e, soprattutto, hanno azzerato qualsiasi suo contatto con la realtà dei fatti italiani. Visto quello che succede pare che l’europarlamento sia una sorta di paradiso dei Mangiatori di Loto, per cui persone con una base razionale una volta sedutesi su quegli scanni perdono qualsiasi senso della realtà e diventano degli euroinomani disposti a prostituirsi pur di avere la propria dosa quotidiana di europeismo.

Questa dipendenza ha colpito anche Tajani su un tema molto delicato: il divorzio fra il Regno Unito e l’Europa: infatti il nostro, pur avendo la possibilità di stare zitto e non occuparsi del tema, ha deciso di intervenire con la stessa sensibilità di un rullo compressore mentre compatta l’asfalto.

Ecco l’Uscita di Tajani su euronews:

“VOGLIAMO INDIETRO I SOLDI

Londra accusa Bruxelles di mettere fretta ai negoziati con il solo scopo di ottenere una fattura britannica più onerosa; accuse respinte al mittente dal Michel Barnier, il capo negoziatore brexit per l’Unione europea.
Londra stando ai calcoli comunitari dovrebbe versare alle casse comunitarie 50,60 miliardi di euro, la conferma di queste cifre che finora giravano solo ufficiosamente è stato fatto dallo stesso presidente del parlamento europeo Antonio Tajani che ha ribadito:

Dobbiamo essere chiari; dobbiamo mettere i quattrini sul tavolo, vogliamo indietro i soldi, come disse la Thatcher una quarantina d’anni fa è importante per noi””

Ora un secondo di chiarezza: questa cifra corrisponde sia ai contributi che Londra dovrebbe versare sino al 2020, sia ai costi previdenziali per le elevatissimi trattamenti pensionistici dei dipendenti del’Unione Europea, che sono, al contrario dei nostri pensionati, trattati con tutte le cure. Questi versamenti sono proprio uno degli elementi di rottura fra Londra e Bruxelles, ed uno degli aspetti di maggiore impopolarità dell’Unione.

Tajani, abituato ai metodi dell’Agenzia delle Entrate italiana, pensa di presentare la cartella delle imposte a Londra, magari accompagnata da un’ingiunzione di pagamento. Però non esiste una Guardia di Finanza europea che possa forzare il governo di Londra che ha due possibilità:

  • accordarsi con l’Unione Europea,
  • non accordarsi con l’Unione Europea.

Tajani non si rende conto che il Regno Unito può anche NON raggiungere un accordo con l’Unione Europea, applicare gli accordi WTO che prevedono la possibilità di imporre dei dazi. L’Italia è nei confronti di Londra in una posizione molto delicata. Infatti la bilancia commerciale bilaterale è in questa situazione:

  • Esportazioni italiane nel Regno Unito –  22.501 milioni di euro
  • Importazioni italiane nel Regno Unito – 10.997 milioni di euro.

Noi abbiamo un AVANZO PER 11 MILIARDI DI EURO. Inoltre circa 261 mila italiani residenti nel Regno Unito, contro meno di 70 mila inglesi residenti in Italia. CHI HA DA PERDERE DAL NON RAGGIUNGIMENTO DI UN ACCORDO ? NOI O LORO ?

Mettere il Regno Unito contro un muro potrà dare grande soddisfazione a Juncker ed ai suoi amichetti di Bruxelles, ma sarebbe COMPLETAMENTE CONTRARIO AGLI INTERESSI NAZIONALI ITALIANI. Nel caso di imposizioni di dazi al nostro export quanti posti di lavoro perderemmo? VOGLIAMO VERAMENTE RIPETERE L’ERRORE FATTO CON LA RUSSIA PER COMPAICERE BERNIER E JUNCKER?

Caro Tajani, torni a giocare con i suoi amichetti e NON DISTURBI L’ITALIA. Perchè di personaggi che NON fanno gli interessi nazionali  ne abbiamo già abbastanza, e siedono tutti al governo !

via Scenarieconomici