Cari amici,

in Europa ci sono governi che hanno una visione strategica di lungo periodo. Prendiamo ad esempio la Polonia: lo stato polacco ha deciso di rivedere le forniture di gas naturale in un’ottica strategica di lungo periodo. Per questo motivo, pur avendo in corso un contratto a lungo termine con la russa Gazprom, che terminerà nel 2022 , e di rivolgersi ad altre fonti. Non si tratta di una decisione legata a motivi economici, ma puramente strategici.

Questa è la situazione attuale relativamente alla fornitura di gas naturale per la Polonia:

Il governo intende investire massicciamente su di un gasdotto baltico in grado di portare la produzione norvegese del Mare del Nord, e di aumentare le dimensioni dei termina per il gas naturale. Si tratta di una programmazione molto stretta, ma nel 2019, quando ricominceranno i colloqui con Gazprom, si dovrebbe conoscere la fattibilità o meno dell’operazione. Se questa fosse realizzata il risultato sarebbe il seguente :

La Polonia conta di esportare alcuni milioni di metri cubi  verso i paesi confinanti, sia baltici, sia centro europei, diventando così un hub del gas naturale alternativo a quello russo.

Come dicevamo, una visione strategica di lungo periodo. Qual’è quella italiana ?

via Scenarieconomici