FONTE: MOON OF ALABAMA

Donald Trump, il miglior venditore di “America First”, oggi è venuto a Bruxelles per chiedere un  tributo maggiore per l’impero. Vuole che l’Europa compri più armi made in USA e che usi il gas naturale liquido USA (LNG). Ma gli argomenti che usa sono tutti sbagliati. La gente in Europa non si è impressionata e i suoi appelli saranno respinti.

Il suo primo discorso a Bruxelles è stato un duro colpo per spingere  la Germania a comprare il carissimo GNL prodotto dal fracking USA. Trump, il burattino di Putin secondo la “resistenza”, ha usato lo spauracchio russo per preparare lo scenario:

Bene, devo dire, penso che sia molto triste quando vedo una Germania che stipula accordi strategici per il petrolio e per il gas con la Russia, quando dovrebbe fare la guardia contro la Russia, e invece vedo la Germania che va in Russia a pagare miliardi e miliardi di dollari l’anno.


Quindi noi li proteggiamo contro la Russia, e loro vanno a spendere miliardi di dollari in Russia, mi pare che qualcosa non funzioni bene e poi c’è anche l’ex cancelliere tedesco che ora è il capo della compagnia dei gasdotti che portano il gas in Germania. Alla fine quasi il 70% del gas naturale usato in Germania sarà controllato dalla Russia.
Potete dirmi che va bene così? Voglio dire, mi sono sempre  lamentato di questo fatto, da quando sono arrivato. Non avrebbe mai dovuto succedere una cosa del genere: la Germania, completamente controllata dalla Russia, riceverà dal 60 al 70 % di energia dalla Russia e dal nuovo oleodotto.

Ora, a guardar ben, la Germania è prigioniera della Russia perché dipende dalla Russia. Hanno chiuso le centrali a carbone e si sono sbarazzati del nucleare perché arriva tanto petrolio e tanto gas dalla Russia.

Penso che il commercio sia una cosa meravigliosa, ma penso che l’energia sia una storia completamente a parte. Penso che l’energia sia una storia molto diversa dal normale commercio. Prendiamo un paese come la Polonia che non accetterà di comprare il gas. Guardiamoci intorno, certi paesi – non accetteranno di comprare il gas russo, perché non vogliono essere prigionieri della Russia. Ma la Germania, per quanto mi riguarda, è già prigioniera della Russia, perché sta ricevendo troppe risorse energetiche dalla Russia. Quindi noi dobbiamo proteggere la Germania, ma loro stanno comprando il gas dalla Russia. Spiegatemi voi, come funziona questa cosa. Ma questo non può essere spiegato – lo sapete bene.

Trump parlava del Nordstream II pipeline che rifornisce Germania e altri paesi europei con il gas naturale che arriva dalla Russia.

Il Nord Stream I è già in funzione e  il Nord Stream II è ancora in fase di costruzione e lo stanno costruendo delle società private austriache e tedesche.

Il grande vantaggio per la Germania è che questi gasdotti non attraversano nessun altro paese. Altri oleodotti che arrivano dalla Russia, costruiti negli anni ’70, attraversano Ucraina e  Polonia prima di arrivare in Germania e sono utilizzati da tutti e tre i paesi (per ricevere il gas dalla Russia).

Ogni volta che l’Ucraina non ha i soldi per pagare il gas della Russia e non paga i suoi debiti, la Russia chiude i rubinetti e immette meno gas nel gasdotto. Come se Germania e Polonia continuassero a ricevere regolarmente  il gas e l’Ucraina non dovesse toccare niente. Ma gli ucraini imbrogliano e rubano quel gas che dovrebbe solo passare  sul loro territorio e nemmeno lo pagano.   Alla fine succede che la Germania deve dare all’Ucraina i soldi per pagare il gas alla Russia. Questo è successo nel 2006, nel 2008 e di nuovo nel 2014.

Quando è troppo, è troppo. Il Nord Stream evita che la Germania possa subire questa specie di ricatto da parte dell’Ucraina. Questa è la ragione principale per cui l’Ucraina sta facendo lobbing contraria.

La Polonia non rifiuta il gas dalla Russia anche se dice di non-volerlo. Ha un contratto a lungo termine con la Russia e riceverà molto gas attraverso il gasdotto ucraino almeno fino al 2022. Dal 2014 importa  gas anche dalla Germania attraverso  il  pipeline-bi-direzionale della nuova stazione di pompaggio di Mallnow. La Germania riceve il gas dalla Russia  con il sistema Nord Stream e poi lo esporta in Polonia, pompandolo con l’ Opal pipeline  e  con gli impianti di Mallnow. È estremamente ipocrita che la Polonia si metta di traverso contro il Nord Stream quando questo contribuisce in modo significativo a garantire la sicurezza energetica della Polonia stessa.

Trump dice che la Germania ” riceverà dal 60 al 70% dell’ energia di cui ha bisogno dalla Russia e da un nuovo pipeline”. Dell’energia primaria, che usa la Germania, solo il 20% proviene dal gas naturale. Meno del 40% del gas naturale utilizzato in Germania proviene dalla Russia.  Così la Russia eroga solo il 7-8% dell’energia primaria che si usa in Germania. Se necessario, la Germania può farne a meno. Non è un problema strategico.

Trump dice della Germania: “Hanno chiuso le loro miniere di carbone. Hanno spento il nucleare.” Ma la Germania non ha chiuso le miniere, ne sta costruendo di nuove e con sistemi più efficienti. La Germania sta uscendo gradualmente dal nucleare. Non costruirà nuove centrali nucleari. Ma attualmente sono attive ancora nove  centrali nucleari, la cui chiusura è programmata per il 2022, ma probabilmente verrà estesa. Senza l’energia nucleare sarà estremamente difficile raggiungere il limite fissato per i gas serra.

Trump, come al solito, vede le cose sempre nel modo sbagliato. Ma gli Stati Uniti producono più gas naturale del necessario e vogliono esportarlo e trasformare il gas naturale USA  in una forma liquida per il trasporto marittimo, ma questo processo richiede tanta energia che il prezzo inevitabilmente deve essere molto più alto del gas russo che arriva direttamente con le pipelines. Trump non avrà mai prezzi competitivi, in Germania, finché ci sarà il gas russo. È comprensibile che Trump voglia che la Germania compri il gas liquido USA, ma se non ha né un prezzo competitivo, né argomenti più plausibili per riuscire a vendere, non avrà fortuna.

Trump ha sparato un colpo ancora più forte contro tutti i paesi europei della NATO quando ha chiesto  l’impegno a spendere il 4% del loro PIL per la difesa. Spera che compreranno più sistemi militari prodotte in USA, ma la sua richiesta è ridicola. E’ il Parlamento che decide quanto spende un paese per la difesa e i parlamentari vogliono essere rieletti. Solo il 15% dei tedeschi concorda nell’aumentare il budget della difesa e vuole che arrivi al 2% del PIL tedesco. Per la maggior parte della gente però anche l’1,5% è già troppo. Sono in  tanti che vogliono che  le truppe U.S.A lascino  la Germania. Non c’è modo che i paesi NATO possano accettare il 4% di Trump.

Detto questo, io spero che si spenda il 4% per la difesa – ma a una condizion: La salute è un problema di sicurezza. L’assistenza sanitaria è una difesa contro la morte. Quindi dobbiamo nazionalizzare i sistemi sanitari e lasciare che sia il Ministero della difesa a gestirli.

L’esercito americano è la più grande organizzazione socialista del mondo. È equo con i suoi cittadini, cioè con i soldati che sono tutti assistiti e ben curati. L’esercito ha un proprio sistema sanitario che si chiama Veterans Health Administration.

I paesi della NATO potrebbero adottare lo stesso sistema della VHA e potrebbero estenderlo a tutta la popolazione.

A queste condizioni il 4% del PIL da destinare alla  “difesa” sarà davvero un buon affare.

***

Fonte: http://www.moonofalabama.org

Link: http://www.moonofalabama.org/2018/07/trumps-false-arguments-will-not-sell-well-in-europe.html#more

11,07.2018

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org  e l’autore della traduzione Bosque Primario