DI MAURO BOTTARELLI

rischiocalcolato.it

Queste righe potrebbero diventare vecchie e inutili nel momento in cui le starete leggendole, sono i rischi di scrivere su argomenti in divenire come il voto catalano di oggi. Al netto della cronaca, sono due le notizie degne di nota: in tutto il Paese, i Mossos d’Esquadra non sono intervenuti per sgomberare i seggi, hanno fatto finta di niente e girato i tacchi tra gli applausi della gente. Secondo, a Girona, nel seggio in ci avrebbe dovuto votare il presidente catalano, Carles Puigdemont, le squadre anti-sommossa della Guardia Civil sono intervenute, forzando le porte, proprio al fine di porre in essere l’atto simbolico: vietare al numero uno del movimento indipendentista di votare.

C’è tensione, forte ma, finora, occorre ammettere che nulla di trascendentale è accaduto. Non so come andrà a finire: Madrid a posto in campo un apparato repressivo di prim’ordine, oltre 10mila uomini schierati e il via libera – di fatto – dell’UE a tutelare con ogni mezzo l’integrità statale e costituzionale della Spagna. Dal canto sua, la Generalitat sta ormai muovendosi nel solco del mero atto di testimonianza, indicando ai cittadini che il voto è possibile in ogni seggio e anche con schede elettorali stampate in casa. La legittimità del voto, se ci sarà, è inevitabilmente compromessa. La stessa marcia indietro notturno del presidente catalano, il quale ha detto che anche con una vittoria del “Sì” non si arriverebbe a un’automatica proclamazione di indipendenza, parla la lingua del gioco delle parti. Ma resta il simbolo e questa è una responsabilità che grava interamente su Mariano Rajoy, il suo governo e l’inazione dell’Unione Europea.

A confermarlo sono le parole di Juliane Assange, numero uno di WikiLeaks, il quale dopo aver confermato il suo sostegno alla causa catalana, ha detto che quanto sta avvenendo è l’atto fondativo e prodromico della Prima Guerra Mondiale del web. Basta questo per dire che, al netto del referendum, Madrid ha perso e Barcellona vinto. Parliamoci chiaro: da Stato indipendente, la Catalogna avrebbe un debito/Pil attorno al 120% e occorre altresì ricordare come non solo Madrid compri buona parte del debito emesso da Barcellona ma, quando occorre (e non è così infrequente) pone anche la garanzia sovrana sugli stessi bond di Barcellona, per tranquillizzare gli investitori, quando si avvicinano scadenze a rischio (tipo questa). Certo, come ci mostra il grafico,

la Catalogna rappresenta circa il 20% del Pil spagnolo ma quest’altro grafico,

è chiaro nel rappresentare il trend demoscopico relativo al referendum in atto in queste ore: Barcellona ha forzato la mano nell’ultimo periodo, soprattutto con il voto parlamentare che di fatto esautorava Madrid di ogni potere sulla regione, per il semplice fatto che non voleva che quel quesito fosse posto in maniera seria (ovvero uffciale e riconosciuta da Madrid) ai propri cittadini, perché questo avrebbe svelato il bluff. E Madrid, ovviamente, ci è cascata con tutte le scarpe. Di questo 1 ottobre non resterà l’azzardo, resterà la repressione in stile franchista delle istanze autonomiste catalane, resteranno le immagini di famiglia e anziani sgomberate dai seggi, manganelli alla mano. Quelle istanze sono minoritarie, come mostravano ieri anche la manifestazioni pro-unitarie tenutesi in tutto il Paese, Barcellona compresa ma ora divenute afflato di libertà repressa di un intero Paese.

Un capolavoro mediatico-propagandistico, da parte catalana, non c’è che dire. Di fatto, il “no” della Corte suprema che ha dichiarato illegale il referendum è stato un vero e proprio regalo all’autoreferenziale Generalitat de Catalunya, un modo per perpetuare politiche fallimentari e arrivare, giocoforza, a un negoziato con Madrid in posizione di vantaggio, tutto meramente riconducibile all’effetto mediatico di queste ore: dalla CNN ad Al-Jazeera, non c’era grande network globale che non fosse presente con almeno un inviato a Barcellona. E vedere mamme con i bambini presidiare spazi “violati” da energumeni delle squadre anti-sommossa della Guardia Civil fa un certo effetto: sono immagini come rimangono impresse nella mente e portano a un immediato e acritico spirito di solidarietà verso la causa indipendentista, esattamente come le immagini simbolo scelte da media dopo ogni attentato dell’Isis.

Madrid non lo ha capito e, anzi, ha fatto il gioco di Barcellona: doveva garantire legittimità al voto odierno e sfidare al realismo il governo autonomo, il quale ha bluffato da almeno uno anno questa parte. Comunque fosse andata, infatti, il processo negoziale reale – stante il caos del Brexit che le autorità europee faticano ogni giorno di più a nascondere sotto il tappeto delle trattative – sarebbe stato lento e farraginoso e avrebbe garantito a Madrid non solo il fattore tempo ma anche la copertura politica dell’UE. Così facendo, invece, Barcellona è a prescindere la vittima. E, quindi, la vincitrice non solo morale ma bensì politica della battaglia in atto. Ripeto, un capolavoro.

Ma a chi giova, tutto questo? Perché al netto della stupidità politica di Rajoy e all’altrettanto conclamata insipienza dell’UE, un caos come quello andato in scena in questi giorni in Catalogna destabilizza. E, soprattutto, si poteva evitare. Serve forse un accelerante a qualche incendio doloso nell’eurozona, in vista del board dlla BCE del 25 e 26 ottobre prossimi, quello che dovrebbe finalmente dare risposte chiare relativamente al tapering da parte della BCE relativo al programma di stimolo? Senza contare che il 15 ottobre, in contemporanea, andranno al voto gli elettori austriaci per le legislative e quelli della Bassa-Sassonia per le regionali e un risultato brillante rispettivamente di FPO e AfD potrebbe attizzare ancora un po’ il fuoco dell’allarme populismo, sedato troppo in fretta e malamente dalla vittoria di Emmanuel Macron alle presidenziali francesi.

Una bella scusa pronta per Draghi per far ricorso a moderazione e cautela rispetto al ritiro degli stimoli? La situazione ideale per calciare ancora un po’ in avanti la lattina e attendere la FED in dicembre? Sono cattivi pensieri ma viene da farli. Soprattutto adesso che, al netto degli insulti di Kim Jong-un, il segretario di Stato USA, Rex Tillerson, ha apertamente ammesso un’apertura di dialogo con PyongYang rispetto al programma nucleare, paradossale conferma della pantomima nucleare messa in atto finora per gonfiare un po’ i Pil di USA, Giappone e Sud Corea a colpi di warfare e spesa per la difesa. Cosa c’entra? C’entrano l’effetto mediatico e le parole di Assange, le quali confermano plasticamente come i voti “alternativi”, vedi attraverso il web, possono destabilizzare un Paese, tanto che la prima mossa della Guardia Civil è stata quella di recarsi al Centro informatico del governo catalano e bloccare tutti i programmi e le applicazioni per il voto on-line.

E chi è, nell’immaginario popolare e mediatico, il più grande destabilizzatore politico on-line del mondo, se non la Russia di Putin con i suoi hacker e l’uso spregiudicato dei social network, come dimostrerebbero i mea culpa di questi giorni – casualmente – da parte di Facebook e Twitter, finiti addirittura davanti alla Commissione intelligence del Congresso? Saranno forse questi i cui prodest che hanno reso non solo possibile ma necessaria la pantomima catalana cui abbiamo assistito e stiamo assistendo in queste ore? Scommettete che l’argomento farà capolino a breve nei dibattiti politici? Magari, ovviamente in ambito politico interno e tutto strumentale in chiave anti-Lega (con un Salvini molto tiepido e distaccato in queste ore e un Maroni invece scatenato, guarda caso) in vista delle politiche 2018,, anche quelli legati ai referendum di Lombardia e Veneto del 22 ottobre?

Mauro Bottarelli

Fonte: www.rischiocalcolato.it

Link: https://www.rischiocalcolato.it/2017/10/la-stupidita-rajoy-trasformato-un-fallimento-annunciato-uno-spartiacque-cui-prodest-pero.html

1.10.2017