https://orizzonte48.blogspot.ch/2017/02/corte-costituzionale-n7-del-2017-la.html

Nel totale silenzio dei media mainstream, la Corte Costituzionale ha ormai sdoganato qualsiasi forma di imposta patrimoniale a carico dei privati a fronte di una “crisi economica” non meglio specificata nella natura e/o negli effetti, basta che tale imposta – anche se rilevantissima – non sia ricorsiva (…).

Su Orizzonte.48, vedasi articolo al LINK, con una dotta valutazione elaborata da uno dei principali esperti italiani in materia, è stato spiegato nei dettagli come il deep state italiano, ormai assoldato dall’EU, si stia allineando a suon di sentenze con il fine di preparare l’esproprio dei beni dei privati italiani a favore, alla fine del giro, non tanto dello Stato Italiano quanto dei paesi esteri interessanti a mettere la mani sugli assets degli italiani, leggasi, case, suolo, aziende italiane e risparmio delle famiglie (sono mille anni che ci provano…). Tradotto, un’imposta patrimoniale di importo esorbitante è in preparazione.

Ricevo di tanto in tanto commenti secondo cui la patrimoniale in teoria non sarebbe applicabile in forza di un generico dettame costituzionale (…): niente di più sbagliato, l’analisi giuridica di cui all’articolo allegato di orizzonte48 – dietro a cui si cela la sapienza di uno/o più dei massimi esperti italiani in materia, oserei dire anche europei, …  – dimostra non solo il perfetto contrario ma addirittura mette a nudo i preparativi della casta amministrativa e giudiziaria italiana per arrivare al limite dell’esproprio nei confronti dei beni provati (leggasi, un’imposta patrimoniale di dimensioni smisurate), il cui approntamento è in corso da tempo in sede EUropea, vedasi i continui richiami tedeschi, francesi e dell’FMI per la sua urgente introduzione (come se non ce ne fossero già molte di imposte patrimoniali in Italia, IMU, imposte di bollo ecc., …).

Articolo da leggere studiare, per i posteri. Ed anche per gli studenti e ricercatori indipendenti del diritto, se ne esistono ancora in Italia.

Unico lato positivo: è una speranza poter constatare che esistono ancora giuristi responsabili e corretti oltre che estremamente preparati in Italia. Peccato che siano in netta minoranza (parola di ingegnere). Unica cautela con quasi tutti i legali: controllare i loro numeri, ma questo non vale per orizzonte48 che sembra saper benissimo far di conto.

Italiani, siete pronti a sacrificare circa il 25% dei vostri averi per restare nell’euro? E soprattutto, siete sicuri che vi convenga?

Encore, cercasi partito politico disposto a prendere il 50+% dei voti nella prossima elezione annunciando per tempo la sua totale contrarietà all’imposta patrimoniale del secolo, in quanto non solo iniqua ma assolutamente inutile ed anzi dannosa per gli interessi nazionali italiani (…). A maggior ragione visto che non si vuole comunque eliminare la causa dell’accumulo di debito: l’euro ingegnerizzato per essere a vantaggio dei paesi centro EUropei, a spese dei periferici. Ossia alla prima patrimoniale ne seguiranno molte altre, fino a farci diventare una colonia.

MD

via Scenarieconomici