RT 
Sa Defenza

Le importazioni dagli Stati Uniti  in un supermercato a Shanghai, 3 aprile 2018 / Aly Song / Reuters

Rispondendo alla minaccia di Donald Trump di imporre ulteriori dazi per $ 100 miliardi alla Cina, Pechino ha risposto di non volere una guerra commerciale, ma non ha paura di “seguirne l’esempio fino alla fine” per proteggere i suoi interessi economici fondamentali.

La posizione cinese è stata chiarita”, secondo una dichiarazione di stamane, venerdì , di un portavoce del ministero del commercio. Pechino non vuole impegnarsi in un conflitto economico, ma nella peggiore delle ipotesi, non ha paura di combattere una guerra commerciale.

La Cina “seguirà l’esempio USA fino alla fine” , Washington manca di rispetto con la sua posizione  “unilaterale protezionista sul commercio“. Pechino difenderà gli interessi del Paese “ad ogni costo” e non esiterà a prendere contromisure.

La Cina ha criticato l’unilateralismo di Washington che, dice, mina il libero scambio globale. Nel frattempo, l’economia cinese proseguirà con le riforme e continuerà ad aprirsi al mondo per “salvaguardare il sistema commerciale multilaterale” e promuovere la liberalizzazione del commercio e degli investimenti globali, ha affermato il ministero cinese.

La dichiarazione è arrivata dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha affermato che la sua amministrazione sta  sospendendo la possibilità di imporre ulteriori $ 100 miliardi di dazi sulle importazioni cinesi. Parlando il 5 aprile, Trump ha incolpato la Cina di aver danneggiato “i nostri agricoltori e produttori”, aggiungendo che ha diretto il rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR) per “identificare i prodotti su cui imporre tali dazi“.

Washington e Pechino hanno alzato la posta in gioco nel commercio a fine di marzo, quando gli Stati Uniti hanno introdotto un pacchetto di dazi destinati a oltre 100 tipi di merciologie cinesi, dall’abbigliamento all’elettronica. In risposta, la Cina ha aumentato le tasse la scorsa settimana su 128 tipologie di importazioni statunitensi, con dazi che vanno dal 15 al 25 percento.

L’attuale politica fiscale cinese di esenzione fiscale “rimane invariata“, ha osservato il ministero delle finanze in una dichiarazione, aggiungendo che la mossa è conforme alle regole dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

Annunciando il pacchetto dei dazi il 22 marzo, Trump ha detto che aiuterà gli Stati Uniti a ridurre gli squilibri commerciali con la Cina e a frenare il furto della proprietà intellettuale americana. Il 23 marzo, Pechino ha segnalato di essere pronta a fare un passo in più sulla campagna di Washington contro la Cina, proponendo nuovi dazi su 128 merceologie d’importazioni americane. Le notizie hanno scosso i mercati globali, con i timori di un’imminente guerra commerciale tra le più grandi economie del mondo.

via SaDefenza