Ora il QE finisce, tutto va bene, non ci sono problemi etc etc. Però il suprise index degli hard data USA, cioè la deviazione standard dalla media dei dati, viene a segnare che qualche problema c’è:

Ora un fenomeno che si sta verificando e che è abbastanza preoccupante è l’inversione dei tassi di interesse, cioè i tassi a breve stanno diventando più alti dei tassi a lungo , rendendo negativo il premio temporale.

Ci stiamo avvicinando all’inversione , e questo accade quando si avvicina una crisi finanziaria molto pesante. Perchè avviene un’inversione? Perchè le attività finanziarie a breve (soprattutto negli USA costituite da titoli più rischiosi) vengono sostituite da attività a più lungo termine, solitamente di buoni del tesoro Usa a più lungo termine, la cui crescita della domanda fa aumentare il prezzo e diminuire il rendimento.

Se poi vediamo l’indice globale della banche sistemiche (GSIB), vediamo che sta andando a picco, segno che l mercato finanziario si aspetta tempesta per le banche “Too big to fail”.

Quando si parla di banche, viene subito in mente…. Deutsche Bank. Nel silenzio globale ha raggiunto il minimo a fine giugno, per poi mantenersi a livelli molto, ma molto bassi:

Siamo giunti sotto i 10 dollari per azione. Evviva, c’p sempre spazio per crescere, in futuro. Lo dicevano anche a Lehman….

via Scenarieconomici