Mentre prende il via l’ennesimo aumento di capitale da parte della voragine tedesca con il nulla intorno, con uno sconto del 35 % che farà la felicità degli attuali azionisti, andiamo a dare un’occhiata alle ultime notizie sulla truffa infinita con il nulla intorno…

Deutsche Bank Said to Face Fines Over Currency Trades

Deutsche Bank AG dovrebbe essere multata dal Dipartimento dei Servizi Finanziari della Federal Reserve di New York per il suo comportamento sul mercato dei cambi, ha dichiarato una persona vicina al dossier.

Ovviamente tanto per cambiare rifiutano tutti di commentare.

Il Dipartimento dei servizi finanziari, ha aperto l’inchiesta nel 2014 su Deutsche Bank e Barclays, concentrandosi, su come vengono utilizzate “manipolate”  le loro piattaforme elettroniche di negoziazione. Ovviamente non sono le sole, Goldman Sachs, BNP Paribas, Credit Suisse e Societe Generale, fanno parte dell’allegra conbricola.

Quindi manipolazione delle valute, dopo quella delle commodity, dei tassi, dei bilanci e dell’aria, a no quella non serve manipolarla è già intrisa di cocaina allo stato gassoso. La domanda che si fa il comune mortale è la seguente:

Quanto aspettano a togliere la licenza a queste vere e proprie associazioni a delinquere?

O si certo sino a quando non avviene una strage sociale non si può fare nulla. Ma come dice l’uomo della strada, è già successo nel 2008 e non hanno fatto nulla, nessuno è finito in galera, solo qualche multina pagata con frodi e manipolazioni.

Vedi bellezza, il mondo va così, Gli sfigati che lavorano in una certa finanza, non saprebbero fare neanche,  uno più uno senza che qualcuno non li dia l’imbeccata giusta o altri manipolino tassi e valute o prezzi, sono poveri relitti umani che si dimenano nella loro avidità.

Se poi chi dovrebbe controllarli fa finta di nulla o magari come le banche centrali, rifornisce quotidianamente cocaina, attraverso la liquidità, allora tu bellezza, che ti fai il mazzo per tirare la fine del mese, non hai scampo, perchè questi psicopatici, stanno distruggendo il tuo futuro.

Ribadisco solo un manipolo di esaltati, psicopatici e cocainomani che lavora in una certa finanza, poi le derivazioni sono tante anche in casa nostra, nel nostro Paese, ma per favore non facciamo di tutta l’erba un fascio.

Ma torniamo a noi, a chi se l’è perso suggerisco vivamente di rileggersi…

DEUTSCHE BANK: LA GRANDE TRUFFA!

Qui non solo non ritirano la licenza, nazio0nalizzando la banca, smantellando pezzo per pezzo una centrale nucleare che ha fughe radioattive quotidiane, ma usano pure la banca centrale europea per far finta di nulla, privilegiando le interpretazioni “mark to fantasy” del bilancio di Deustche Bank.

Ho il sospetto che qualcuno ha letto il nostro articolo e l’inchiesta del Sole24Ore perchè ieri…

Npl, ecco le linee guida Bce: più tempo per le banche

l’aggiunta più rilevante è quella relativa ai tempi di attuazione. Il documento, dalla forte connotazione qualitativa, avverte che le linee guida sono «applicabili a partire dalla data di pubblicazione», ovvero ieri. Nello stesso tempo, Francoforte rassicura gli intermediari (e tra questi molte banche italiane che presentano un livello di Npl oltre la media) riconoscendo che il processo di confronto con la Vigilanza «in alcuni casi» potrebbe avere bisogno di «tempo» per la sua piena realizzazione.?Un modo, insomma, per ammorbidire la perentorietà di un impegno che allo stato attuale non ha valore «vincolante», dice Bce.

Lo ripeto solo un idiota o un mercenario al soldo dei fondi avvoltoi, poteva pensare di prezzare mediamente i nostri NPL intorno ai 20/25 centesimi.

Nel frattempo è bastata una rondine che non fa primavera per avviare il più sensibile sell-off del mercato americano dai tempi della vittoria di Trump, ieri sul mercato le azioni delle banche americane si vendevano a piene mani…

Thanks to Zero Hedge

Addirittura Bank of America è arrivata a perdere oltre il 10 % dai massimi di qualche settimana fa. Qualcuno incomincia a mettere in dubbio la ” Trump illusion ” in fondo, in fondo Donald è più impegnato a rispondere alle accuse che ha preparare le riforme, che fine ha fatto la riforma fiscale del secolo che doveva meravigliare il mondo, promessa per la fine di febbraio?

Dopo l’ennesimo G20 con il nulla intorno nel quale gli USA sono riusciti a farsi cancellare il riferimento al protezionismo, il nostro eroico primo ministro Gentiloni, si lancia in una nuova battaglia contro i mulini a vento… Gentiloni: “Dal G7 no al protezionismo”

Ricordiamoci che l’Italia ha tutto da perdere in un’eventuale guerra commercial con gli USA, dopo essersi suicidata in nome dell’Europa, tagliando fuori la Russia, non vorrei che qualche ignorante si mettesse a fare la voce grossa anche con gli Stati Uniti, sarebbe la fine.

Iceberg Finanza